STAR BLACK MU AND THE MYTHICAL WORLD OF MOTHERS

By Mariano Grassi

Who is acquainted with Mary Blindflowers as an essayist and a poetess, who dealt with her distinct aptitudes as a detailed researcher and texts’ collater sounding autonomous reworkings of authors’ and historical-literary phenomenologies’ explanatory theses or her language and conceptual experimentations in lyrical creation, maybe will be wondering at discovering a further faceting of this many-sided writer reading “Mu’s Black Star”, a story where shines all the pyrrhonism permeating the global conception of human fate by such a skilful contemporary composer. Her essays’ analytical rigour and cogent adherent synthetic reworking make room for a fanciful paper where, yet, one foresees at brightest lights writer’s “creed’s” philosophical underlayer, wisely cloaked by plot’s characters’ historical symbology, constantly catchy and highly mimetic despite its diegetical sections physiologically taking turns.

Everything is originated in an effluvium of semantic brightness in Great Mothers’ mythical world, the longed forbear of the phallic gang which ruled over human history, and the reader little by little perceives, in the link of dark and warlike onomastics and consanguinities of such a glow, that story’s connective tissue is a clever oxymorical and antithetical game Mary Blindflowers runs after during the entire narration whose akmé arrives just on darkness’ acquaintance, Chaos’ mythological fruit and Night’s blood-relation, in a counterpoint, in my opinion, deliberately pursued to mimic St John’s passage “and men loved darkness rather than light” (John, III, 19) reflecting etymologically the contrast between the two worlds the text speaks about, divided by a sort of chasm, a kind of depth, the so-called Unknowable Beyond(that is Chaos’ original meaning: precipice), when from brightness will come off shadiness, signified by the godhead of indecision, slipperiness and mystery. And mystery is all the ritual sealing the witchlike entrance into Great Mothers’ world, in an evocation of dates and names which semantically stamp as power’s orgy’s zenith Italian Republic’s historical events a careful reader is going to pick out unexpectedly.

Highly symbolic is the image of the unique way for pouring off the two worlds: the mere brain rationality of some men free from human mass’ throbbing burden: those who want to possess phallocratically Mu must use the feature of a guardian angel.

Likewise also the describing chapter of Mu’s graveyards, where light stands out antithetically to the darkness characterizing the conceptual halo of human decease, vibrates with notes which are creatively antinomical to the ordinary templates of the human idea of mourning and death: “Melody spreads destabilizing reality, absence’s hypnotic drawing. The sound holes day’s indifferent instinct, chops time’s arteries”: these are passages a shrewd reader is bound to judge soothingly and statically lyrical, poietical isles in tale’s highly mimetic tissue; in them the author carries out a crafty rhythmical pause, always playing on contraries’ balance which makes up her performance’s firm yarn. Melody, hypnosis, reality, absence, indifference, haematicalness. As a token of a not indifferent versatility in composing always adherent to the narrative task, to text’s basic inspiring idea.

Everything is liaison des opposés in “Mu’s Black Star”, starting from the town-planning couplings which obstinately look for contraries’ constant harmony. Even the highly semantic passage in main character’s generation from the deep darkness to the dazzling light takes bodily shape in her kinship’s onomastics, as everything is sema and symbolon in this literary work with a polyvalent capillarily studied hermeneutical resilience, since the author leaves to chance nothing in names’ choice. And identically changing and open to many interpretations is the word which shows Great Mothers’ world’s capital (whose inhabitants are so different and far away from humans that an inversion in the incipit of the term indicating them is enough to put them in antithesis): Dailorg, in which it looks traceable the English root of Daily Organization, but in anagram makes discoverable a name (Gradoli) which is bound to bring immediately to readers’ mind ill-omened extra-sensory memories extremely representative of the so-called “Republic’s night”, or terms as Dialogue and Ordeal, the former so rational and the latter so mystery. Mu is in anemosteresis, it is not acquainted with the wind, the typical earthly disarranging element does not exist, as if it fears human life’s characteristic and customary dynamics. Every character of the book has got a meaningful and winking onomastics, starting from the classical mythological personifications of the rebel and incoercible determination to the ones of middle-American mythology of forgetfulness.

Yet, in Mu’s libertarian and autarkical world, ruled by Great Mother’s antiphallic positive power, there is room for scepsis: why condemning a murderer before weighing self-defence’s hypothesis? And maybe the search of such answers, pyrrhonism’s creak, is going to cause the disaster and the mixture with human counterweight, a thirst for knowledge which cyclically could mean perdition, becoming incarnate in the responsorial talk with power’s victims’ anarchical emblem: there the doubt makes its way and the corrosion of the Socratic hammering of “knowing not to know” is going to upset the main character raising to the umpteenth power her uncertainties when the second symbol of the rebellion to human customs’ hypocrite caryatids appears.

The author searches wisely the semantic correspondence in the acts of the two worlds and their respective leading men, so that the plot paving main character’s doubt bases itself on identical and opposite percussions, knocks which antithetically dispel and evoke again the sceptical shadow of the major figure, her irresolute, secluded, mysterious shadiness.

But when the writer defines as an anti-novel her work, she gives the idea of a clear message between the lines to her readers: the story, as we have already told, starting from a notion of essential refusal of the phallocratic logic which the male power seeded into the world, hugs, by its allegories and figurae impletae spread into the plot, all the political-religious history characterizing the country, so that the narration, in the eyes of the weaver of its plot and tissue, does not look absolutely novelistic, but a clear transfigured reading of the events and a suggestion to change the course painting a previous world antinomical to power’s orgy. In my opinion there is neither fanciful (despite setting’s looks), nor sentimental, nor historical, nor political, nor satirical valence in the story seemingly, very seemingly invented by Mary Blindflowers; there is instead a strong meditation (typical of an essayist) on the aetiogenesis of the diachronic drift of the male-tailored world definitely deprived of the anxiety of research and inquiry about the reasons of things and their origins.

Sanding fancy’s chrysalis the story wraps itself up, the reader discovers a valence much more essayistic and preceptive than what the reading suggests at first sight. And I would tell that just this seemingly hidden nature of Mary Blindflowers’ book is the clinched seal of the originality of this author.

*** * ***

LA STELLA NERA DI MU E IL MITICO MONDO DELLE MADRI©

By Mariano Grassi

Chi conosce la Mary Blindflowers saggista e poetessa, chi si è confrontato con le sue attitudini spiccatissime di capillare ricercatrice e collazionatrice di testi allo scandaglio di autonome rielaborazioni delle tesi interpretative di autori e fenomenologie storico-letterarie, ovvero con le sue sperimentazioni linguistiche e concettuali nella creazione lirica, forse si stupirà di scoprire un’ulteriore sfaccettatura di questa poliedrica scrittrice, leggendo “La stella nera di Mu”, vicenda in cui traluce tutto il pirronismo che permea la concezione globale delle sorti umane di questa valente compositrice contemporanea. La rigorosità dell’analisi e la stringente e aderente rielaborazione sintetica dei suoi saggi lasciano il posto ad un elaborato fantastico in cui, però, s’intravede a luci nitidissime il sostrato filosofico del “credo” della scrittrice, saggiamente paludato attraverso la simbologia storica dei personaggi della trama, costantemente accattivante e altamente mimetica pur nei tratti diegetici che fisiologicamente vi si alternano.

Tutto si origina in un effluvio di semantica luminosità nel mitico mondo delle Grandi Madri, l’agognato predecessore della congrega fallica che ha dominato la storia umana, e via via il lettore avverte, nell’abbinamento di onomastica e parentele buie e bellicose a tale bagliore, che il tessuto connettivo della storia è un intelligente gioco ossimorico e antitetico inseguito dalla Blindflowers per tutta la narrazione la cui akmé giunge proprio all’atto della conoscenza dell’oscurità, mitologico parto del Chaos e consanguineo della Notte, in un controcanto a mio avviso studiatamente ricercato per fare il verso al passo giovanneo “e gli uomini preferirono il Buio alla Luce” (Giovanni, III, 19), riflettendo etimologicamente la contrapposizione fra i due mondi di cui parla il testo, divisi da una sorta d’abisso, di voragine, il cosiddetto Inconoscibile Oltre (tale è il significato originario di Chaos, il baratro), allorché dalla luminosità si distaccherà l’umbratilità, semanticizzata nella divinità dell’indecisione, del defilamento e del mistero. E mistero è tutto il rituale che sigilla l’ingresso stregonesco nel mondo delle Grandi Madri, in un’evocazione di date e nomi che semanticamente timbrano come zenit dell’orgia di potere eventi storici della repubblica italiana che il lettore attento individuerà sorprendendosene.

Altamente simbolica è l’immagine dell’unico tramite per il travaso dei due mondi: la pura razionalità cerebrale di uomini scevri dal gravame pulsivo della massa degli umani: coloro che vogliono possedere fallocraticamente Mu debbono servirsi della fattispecie di un angelo custode.

Così come vibra di note creativamente antinomiche al vissuto ordinario dell’idea umana di lutto e di morte il passaggio descrittivo delle realtà cimiteriali di Mu, laddove la luce si staglia antitetica alle tenebre caratterizzanti l’aura concettuale del decesso umano: “La melodia si diffonde destrutturando il reale, ipnotico disegno d’assenza. Il suono buca l’istinto indifferente del giorno, recide le arterie del tempo”: sono tratti che il lettore accorto non può non giudicare lenitivamente e staticamente lirici, isole poietiche nel tessuto altamente mimetico del racconto; in essi l’autrice realizza una scaltra cesura ritmica, sempre giocando sull’equilibrio dei contrapposti che costituisce il filo forte della sua rappresentazione. Melodia, ipnosi, reale, assenza, indifferenza, ematicità. A testimonianza di una versatilità compositiva non indifferente e sempre aderente all’assunto narrativo, all’idea ispiratrice basilare del testo.

Tutto è liaison des opposés nella “Stella Nera di Mu”, a partire dagli abbinamenti urbanistici che ricercano pervicacemente la costante armonia dei contrari. Perfino il passaggio altamente semantico nella generazione della protagonista dal buio profondo alla luce abbagliante si fisicizza nell’onomastica della sua consanguineità, giacché tutto è sema esymbolon in questo lavoro letterario e di una elasticità ermeneutica polivalente e capillarmente studiata, in quanto l’autrice nelle scelte dei nomi nulla lascia al caso. E così cangiante e plurinterpetrabile è il vocabolo che indica la capitale del mondo delle Grandi Madri (i cui abitanti sono così diversi e distanti dagli umani che basta un’inversione nell’incipitdel termine che li indica per metterli in antitesi): Dailorg, in cui pare rintracciabile la radice inglese di Daily Organization, l’organizzazione quotidiana, ma che in anagramma rende rinvenibili un nome (Gradoli) che non potrà non evocare immediatamente al lettore sinistre memorie medianiche estremamente rappresentative della cosiddetta “notte della repubblica”, ovvero termini come Dialogo e Ordalia, uno così razionale e l’altro così misterico. È in anemosteresi Mu, non conosce vento, l’elemento scompaginatore tipicamente terrestre non esiste, quasi a temere le dinamiche tipiche e consuete della vita degli umani. Ogni personaggio del libro ha un’onomastica significativa e ammiccante, a partire dalle personificazioni mitologiche classiche della determinazione ribelle ed incoercibile fino a quelle della mitologia meso-americana dell’oblio.

Eppure, nel libertario ed autarcico mondo di Mu, regolato dal potere positivo antifallico della Grande Madre, vi è spazio per la scepsi: perché condannare un omicida prima di vagliare l’ipotesi della legittima difesa? E forse proprio la ricerca di tali risposte, la fessura del pirronismo, causerà il disastro e la commistione con il contropotere umano, una sete di conoscenza che ciclicamente potrebbe significare perdizione, incarnandosi nel colloquio responsoriale con l’emblema anarchico delle vittime del potere: lì si fa strada il dubbio e la corrosione del martellamento socratico del “sapere di non sapere” turberà la protagonista esponenzializzando le sue incertezze all’apparire del secondo simbolo della ribellione alle ipocrite cariatidi delle convenzioni umane.

L’autrice ricerca sapientemente la rispondenza semantica negli atti dei due mondi e dei rispettivi primi attori, talché la strada che lastrica il dubbio della protagonista si caratterizza d’identiche e opposte percussioni, battiti che antiteticamente dileguano e rievocano l’ombra scettica della figura di spicco, la sua umbratilità indecisa, defilata, misteriosa.

Ma quando la scrittrice definisce anti-romanzo la sua opera, dà l’idea di un chiaro messaggio tra le righe ai suoi lettori: la vicenda, come già detto, partendo da una nozione di essenziale rifiuto della logica fallocratica che il potere maschile ha seminato nel mondo, abbraccia, colle sue allegorie e le figurae impletae disseminate nella trama, tutta una storia politico-religiosa che ha caratterizzato il Paese, per cui il narrato, agli occhi di chi ne ha intessuto trama e ordito, non pare assolutamente novellistico, ma una chiara lettura trasfigurata degli eventi ed un suggerimento a invertire la rotta dipingendo un mondo pregresso antinomico all’orgia del potere. Non v’è a mio giudizio alcuna valenza fantastica (nonostante le apparenze dell’ambientazione), né sentimentale, né storica, né politica, né satirica nella storia apparentemente, molto apparentemente inventata dalla Blindflowers; vi è bensì una forte meditazione (tipica della saggista) sull’eziogenesi della deriva diacronica del mondo a misura di maschio svuotato definitivamente dell’ansia di ricerca e di indagine sul perché delle cose e sulla loro origine.

Scartavetrando la crisalide di fantasia in cui la storia s’inviluppa, il lettore scopre una valenza molto più saggistica e precettiva rispetto a quello che la lettura suggerisce a tutta prima. E direi che proprio questa natura apparentemente recondita del libro di Mary Blindflowers costituisce il ribadito sigillo dell’originalità di questa autrice.